News

Eurocup, Valencia parte forte e poi controlla l’Umana Reyer Venezia

Gli iberici scappano subito sul +15 e non permettono mai agli orogranata di riavvicinarsi

Eurocup, Valencia parte forte e poi controlla l’Umana Reyer Venezia

Dopo aver battuto in modo rocambolesco la Virtus Segafredo Bologna al PalaDozza, il Valencia completa l’en plein in territorio italiano battendo agevolmente l’Umana Reyer Venezia al Taliercio e fortificando la 3ª posizione nel gruppo B all’inseguimento dei connazionali di Gran Canaria e i montenegrini del Buducnost.

Gli uomini di coach Peñarroya sorprendono subito gli orogranata siglando un parziale in apertura di match di 2-17 e non voltandosi più indietro. Il gioco a due tra il play Hermannsson e il lungo Tobey e le uscite di Lopez-Arostegui sono state le chiavi tattiche di questo break. L’Umana Reyer non riesce mai a ridurre lo svantaggio dagli avversari al di sotto della doppia cifra per tutta la partita; questo dato testimonia quanto Prepelic (un killer nel segnare le sue 5 triple nei rari momenti di inerzia favorevole alla Reyer) e compagni abbiano controllato la sfida da grande squadra quale sono.

Oltre alla buona prova in apertura di Bramos e a qualche fiammata di Sanders a contesa già decisa, Venezia può sorridere almeno per la migliore prestazione stagionale di Echodas: 16 punti, 5/5 dal campo, 6/8 ai tiri liberi, 5 rimbalzi, 6 falli subiti, una bella presenza in attacco contro Dubljevic e Labeyrie. Per il resto, ancora partita difficile per Tonut (2 punti e 1/7 al tiro), De Nicolao e in generale per l’intera armonia della squadra. Altro dato da segnalare: l’Umana Reyer è 4ª in Eurocup per triple tentate a partita (28.17) ed è quartultima per percentuale di realizzazione dai 6.75 (30.3%; in fondo a questa classifica c’è Trento con il 27.7%). Anche nella partita contro Valencia, la mira da lontano è stata tutt’altro che impeccabile come dimostra il 3/28 finale.

Questo il commento di coach De Raffaele a fine partita: “Il nostro primo quarto e il brutto impatto nella partita ha aiutato molto Valencia nell’aprire subito un divario che è stato difficile ricucire, nonostante avessimo alzato l’intensità difensiva. Abbiamo però sbagliato tantissimo, sia nel tiro da tre punti sia ne tiri liberi (14/24 totale, 58.3%, ndr) e contro una squadra come Valencia non recuperi se non fai canestro. Credo sia inaccettabile un’attitudine un po’ troppo passiva e troppo morbida”.

In classifica adesso i lagunari occupano il 9° posto con un record di 2-4 nell’equilibratissimo gruppo B (la maggior parte delle squadre deve comunque ancora giocare in questa 6ª giornata). Il prossimo impegno europeo sarà ancora al Taliercio, mercoledì 15 dicembre contro il Cedevita Olimpija Ljubljana.

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner
Media Partner
Media Partner