News

Trey Kell: “Mia madre, la più grande tifosa. A Milano l’adeguamento maggiore da fare riguarda la mentalità”

L’esterno americano con passaporto siriano parla su “La Repubblica - Milano”

Trey Kell: “Mia madre, la più grande tifosa. A Milano l’adeguamento maggiore da fare riguarda la mentalità”

L’ultimo innesto in ordine temporale dell’A|X Armani Exchange, Trey Kell, si apre a Luca Chiabotti su “La Repubblica - Milano”, rivelando innanzitutto il rapporto speciale con la madre anche per l’ambito cestistico: “Ho detto subito alla mamma, la mia più grande tifosa, che a Milano sarebbe stato diverso rispet­to alle altre squadre nelle quali ho giocato. Se­gue tutte le mie partite, ci sentiamo appena finiscono. Fino­ra, negli Stati Uniti, non poteva guar­darle in tv, segue le statistiche, poi
mi chiede ‘cosa è successo in quella giocata’, vuole sapere tutto”.

Successivamente, Kell ha raccontato del suo ambientamento nella nuova squadra: “Le cose stanno filando abbastanza lisce, tut­ti all'Olimpia stanno facendo un grande lavoro per mettermi a mio agio, fanni sentire come se fossi qui da inizio stagione ed essere me stes­so in campo. Conosco già la città, ci sono venuto qualche volta da Vare­se, mi piace e sono molto eccitato dal poter giocare in una grande squadra nella competizione più im­portante al mondo dopo la Nba. Credo che l'aggiustamento maggiore da fare a Mi­lano riguardi la mentalità, perché ovviamente all'Olimpia ho molti compagni che hanno scritto la sto­ria del basket europeo e non avrò sempre la palla in mano col compito di segnare molto come nelle mie pre­cedenti esperienze. Però non mi ri­tengo un giocatore egoista, sono sempre disponibile a riconoscere quando è il momento di sostenere al­tri compagni per vincere. All'Olimpia, fin da subito, non mi hanno imposto di fare solo determi­nate cose, vogliono che esprima quello che sono”.

Fuori dal campo, invece, Trey è un ragaz­zo tranquillo: “In America, quelli co­me me, li definiscono homebody. Mi piace stare in casa e, se non sono all'allenamento, mi vedrete in giro in rare occasioni. Passo molto tem­po a parlare con i miei familiari e i miei amici di San Diego. Ho sempre giocato là, l'università era a 5 miglia da casa. Così è stato particolannen­te diffìcile andare a giocare e vivere lontano. Ogni volta che lasci gli Stati Uniti devi misurarti con una cultura sempre differente, ma dal mio vec­chio coach, ai compagni, alla mia fa­miglia tutti mi seguono e sostengo­no sempre, non importa se in Cali­fornia o in Europa: sono il mio grup­po di supporto”.

Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner
Media Partner
Media Partner