News

Eurocup: la Virtus Segafredo ci mette il cuore con Cordinier e Jaiteh ma non basta. Il Buducnost passa a Bologna

Fatale per i bianconeri la serata storta nel tiro da tre punti (4/26 complessivo)

Eurocup: la Virtus Segafredo ci mette il cuore con Cordinier e Jaiteh ma non basta. Il Buducnost passa a Bologna

Secondo stop consecutivo per la Virtus Segafredo Bologna in Eurocup, stavolta causato dai montenegrini del Buducnost Voli Podgorica. Nonostante le ultime assenze di Belinelli e Sampson - che si aggiungono a quelle perduranti di Teodosic, Hervey, Abass e Udoh -, i bianconeri lottano ma vanno k.o. in volata 62-68 tra le mura amiche della Segafredo Arena. I top scorer di Bologna sono stati Jaiteh (19 punti e 12 rimbalzi) e Cordinier (16 punti e 4 assist).

Dopo un avvio di sfida estremamente equilibrato, gli ospiti iniziano a prendere il largo al termine del primo periodo, trascinati dall’energia in uscita dalla panchina di Perry e dal primo squillo di Popovic in contropiede (13-19). Toccato anche il -9 a seguito di una delle cinque triple di serata di Popovic, Mannion e Alexander guidano la riscossa bianconera, ben accompagnata dai centimetri di Jaiteh e la consistenza di Pajola e Weems (30-34 all’intervallo). Nella ripresa è Cordinier che vuole prendersi il palcoscenico tra penetrazioni, triple e un paio di alley-oop su cui ha messo il punto esclamativo. Raggiunto il 47-44, comunque sia, Popovic è spietato e sfrutta i passaggi smarcanti di Micov e un solido Atic per lanciare un altro break montenegrino di 2-12 (47-59). Nel momento più difficile, Scariolo pesca bene dal mazzo la carta di una mobile zona 3-2 che segue i tagli e ingarbuglia l’attacco avversario. I due francesi Cordinier e Jaiteh, dall’altra parte, combinano più volte firmando anche il canestro del 60-62 ma poi, entrando nel clutch time, prima Seeley sigla una tripla da lontanissimo e poi Cobbs con un palleggio arresto e tiro rendono vani gli ultimi assalti di Cordinier.

Coach Sergio Scariolo cerca di guardare il bicchiere mezzo pieno nel post-gara: “Congratulazioni al Buducnost, sono una squadra forte e dura da affrontare, soprattutto dopo l’innesto di un giocatore di alto livello come Perry. Allo stesso tempo sono orgoglioso dei miei ragazzi, la prima sconfitta in cui sono davvero orgoglioso della mia squadra. Certo, abbiamo fatto degli errori ma abbiamo lottato, abbiamo davvero giocato faccia a faccia nonostante le problematiche che conoscevamo. A fine partita ho detto ai miei giocatori che ci sono tante cose su cui lavorare, sulla percentuale di tiro (4/26 da tre, ndr) puoi lavorare andando prima o uscendo dopo dalla palestra ma conta soprattutto la fiducia e la condizione. Non ci fermiamo, qui nessuno si ferma, remiamo con più energia in Eurocup. Loro hanno tenuto percentuali migliori delle nostre, noi però abbiamo avuto una percentuale di canestri segnati su assistenza onestamente pazzesca”.

Il cammino della Virtus nella seconda competizione organizzata dall’ECA proseguirà mercoledì 9 febbraio sul difficile campo di Valencia, trasferta che si aggiunge a quella di campionato di Varese in programma come posticipo della 19ª giornata.

Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner
Media Partner
Media Partner