News

Antonello Riva compie 60 anni: “Il mio più grande vanto in carriera? Il record di punti complessivamente segnati con la Nazionale”

La LBA Legend è stata intervista su “La Gazzetta dello Sport” e “La Provincia di Lecco”

Antonello Riva compie 60 anni: “Il mio più grande vanto in carriera? Il record di punti complessivamente segnati con la Nazionale”

La LBA Legend Antonello Riva sta per compiere 60 anni e per l’occasione è stato intervistato da Paolo Bartezzaghi su “La Gazzetta dello Sport” e Fabio Cavagna su “La Provincia di Lecco”, raccontando in primis gli otto anni lontani dalla pallacanestro: “Ho fatto un anno di prova in un’azienda di prodotti per il benessere. È andata bene. Ora con mia moglie lavoriamo nel network marketing. Non ho rimpianti per il basket e gli sarò grato. Questo sport è stato fondamentale nella mia vita. Mi ha dato ancora adesso mi dà tanto, anche se in forma diversa. La fama che ho raggiunto da giocatore mi ha dato enormi vantaggi nella vita. Ero dirigente ma non mi piaceva più quello che stavo facendo. Sono contento così”.

Facendo un salto nel passato, quand’è che Riva ha capito di poter diventare un asso della pallacanestro: “Il primo giorno in cui sono en­trato al Pianella e ho stretto la mano a un mostro sacro come Pierluigi Marzorati mi sono su­bito detto "voglio diventare co­me te". Del resto, determinazio­ne e motivazione non mi sono mai mancate. Ero consapevole che avrei dovu­to intraprendere un certo per­corso, ma nel frattempo stavo bruciando le tappe. Quando, quindicenne, coach Arnaldo Taurisano mi volle in ritiro con la squadra di serie A, realizzai che ero sulla strada giusta”.

La più grande soddisfazione raggiunta in carriera? “Il record di punti complessiva­mente segnati con la Nazionale italiana. Un migliaio in più ri­spetto al secondo, un certo Dino Meneghin, peraltro... Perché sta a significare che ho sempre ono­rato la maglia azzurra. Giocando al massimo anche le partite ap­parentemente insignificanti ti­po quelle dei tornei estivi in pre­parazione a qualche grande ap­puntamento. E pure durante l'anno non ho mai saputo rispar­miarmi anche se poi magari di lì a qualche giorno mi attendeva una sfida molto importante in coppa o in campionato”.

Riva ha poi raccontato di essere stato molto vicino al grande salto in NBA: “Dopo l'Olimpiade del 1984, nella quale venni inserito nel miglior quintetto dei Giochi, ricevetti un invito a un camp dei Golden State. Poi mi ruppi il ginocchio e saltò la possibilità di quel trai­ning camp. Non se ne fece nulla, anche perché a quei tempi se fossi andato di là, al ritorno sarei stato considerato straniero per il nostro campionato e non avrei più potuto giocare in Nazionale. Non nascondo, tuttavia, che mi sarebbe piaciuto misurami con quel mondo affascinante”.

Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner
Media Partner
Media Partner