News

Andrea Cinciarini fa il bis vincendo i premi di MVP e The Best ITA della 29ª Giornata di Serie A UnipolSai

Il playmaker di Reggio Emilia è alla terza doppietta in stagione

Andrea Cinciarini fa il bis vincendo i premi di MVP e The Best ITA della 29ª Giornata di Serie A UnipolSai

Stupirsi, giunti ormai agli atti conclusivi della stagione regolare, non serve più viste le prestazioni a cui ci ha abituato lungo il corso del campionato. Andrea Cinciarini (UNAHOTELS Reggio Emilia, 1341 voti MVP + 1530 voti Best ITA) prima sbaraglia la concorrenza di Nazareth Mitrou-Long (Germani Brescia, 1266 voti) e di Mitchell Watt (Umana Reyer Venezia, 586 voti), poi supera nelle preferenze Amedeo Tessitori (Virtus Segafredo Bologna, 839 voti) e Alessandro Zanelli (Happy Casa Brindisi, 832 voti) portandosi a casa i premi di miglior giocatore e miglior italiano del 29° turno.

Una vittoria importantissima quella ottenuta dalla squadra emiliana, un successo che la qualifica di diritto ai play-off con una giornata di anticipo piazzandosi attualmente in settima posizione. Un'annata quasi perfetta quella dei reggiani, la cui sconfitta in finale di FIBA Europe Cup non è certo da considerarsi un'onta visto il grande cammino compiuto; Reggio Emilia ha sudato, ma alla fine grazie ad una rimonta sensazionale nella sfida con Trento ha raggiunto l'obiettivo. Protagonista – se ci fosse bisogno di specificarlo quando si parla della UNAHOTELS – è ancora una volta il numero 20 biancorosso, Andrea Cinciarini: per lui 22 punti tirando con il 60% da due punti (3/5), il 44.4% da tre punti (4/9) e convertendo l'80% dei tiri liberi (4/5); il suo compito principale però non è quello di stracciare la retina, ma come di consueto mettere i compagni nella condizione migliore per segnare e i 10 assist distribuiti ne sono la perfetta testimonianza. Oltre all'apporto offensivo, non è mancato quello difensivo del 'Cincia' che ha catturato 6 rimbalzi e ha rubato ben 4 palloni; un vero e proprio stakanovista rimasto sul parquet per tutto l'arco della gara prendendo fiato solo durante l'intervallo, ciononostante gli avversari hanno faticato parecchio per fermarlo commettendo 7 falli ai suoi danni.

Le avversarie ancora non hanno trovato le contromisure al gioco operato dal nativo di Cattolica, il quale godendo della piena fiducia di coach Caja orchestra a suo piacimento la fase offensiva. Ai microfoni di Tuttosport ha parlato così del suo capo allenatore: “Lo conoscevo non solo di fama, perché aveva allenato mio fratello Daniele. Con Caja abbiamo avuto un vantaggio fin dall'approccio. Entrambi siamo due lavoratori instancabili, che considerano l'allenamento l'aspetto più importante”. I compagni si fidano ciecamente delle sue chiamate e dopo una stagione intera giocata al suo fianco, capire i suoi sguardi o il suo linguaggio del corpo è diventato più facile anche quando dall'altro lato la difesa pare leggerne con anticipo le intenzioni. Dopo aver subito per quasi tutto il primo tempo, l'orgoglio del veterano è uscito allo scoperto consapevole di avere una missione da compiere: è la sua tripla a 60” dal termine del secondo quarto a cambiare l'inerzia della gara; a metà del terzo periodo le sue assistenze hanno ampiamente aiutato la squadra a ricucire il distacco. Lungo il corso dell'anno i passaggi schiacciati sono stati una delle armi di Cinciarini per bucare la difesa: quelli consegnati all'indirizzo di Baldi Rossi (58-60) e Larson (64-65) sono costati caro alla Dolomiti Energia, i quali non sono riusciti a trovarne l'antidoto uscendo con le gambe tagliate dalla contesa.

Con la "doppia-doppia" registrata nella vittoria del weekend, il classe 1986 è arrivato a quota sette, a cui vanno aggiunte anche le due triple-doppie. I 10 assist distribuiti hanno rappresentato la sedicesima partita in doppia cifra in questa statistica, consolidando ancor di più il suo primo posto nella classifica degli assistman a 10.3 di media (288 totali). Andrea Cinciarini rimane il secondo giocatore della squadra per punti totali segnati (316), la cui media è 11.3 nelle partite disputate che, salvo sorprese, lo renderà l'unico giocatore del campionato a chiudere la stagione in "doppia-doppia" di media – il primo nella storia con la coppia punti e assist. Il dato più impressionante legato al numero 20 biancorosso è senza dubbio quello riguardante i minuti giocati (totali e di media): se nella prossima gara dovesse rimanere sul parquet per 36 minuti esatti arriverà ad un totale di 1000, una media di quasi 34.5 a partita in 29 partite disputate (su 30 giornate). In merito al suo impiego ha rivelato a Piero Guerrini: “Mi sono sempre mantenuto bene, con grandissima attenzione del corpo. Il fisico per un atleta è come un'automobile. Devi fare manutenzione continua e prestare sempre attenzione. Qui pur giocando 40' o giù di lì non ho avuto problemi muscolari. Il lavoro estivo è il mio consiglio ai ragazzi”.

Il candidato ai premi di MVP e The Best ITA della stagione 2021/2022 è stato un autentico highlander in questo campionato e nonostante l'anagrafe lo porti vicino ai 36 anni di età, non c'è dubbio che questa sia stata la miglior annata della sua carriera.

Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner
Media Partner
Media Partner