News

Virtus Segafredo Bologna, parla il d.g. Ronci: “La Coppa Italia ha pizzicato il nostro senso di competizione. Il futuro di Shengelia? Saremo la priorità reciproca”

Il dirigente bianconero è stato intervistato sul “Corriere di Bologna”

Virtus Segafredo Bologna, parla il d.g. Ronci: “La Coppa Italia ha pizzicato il nostro senso di competizione. Il futuro di Shengelia? Saremo la priorità reciproca”

In una lunga intervista concessa a Luca Aquino e Daniele Labanti sul “Corriere di Bologna”, il direttore generale della Virtus Segafredo Bologna Paolo Ronci (che sarà in giornata a Belgrado per assistere alla finale di Eurolega tra Real Madrid e Anadolu Efes) ha parlato del segreto della sua Virtus: “Stare tutti i giorni con la squadra, concetto esteso che non comprende solo i giocatori, fa parte del mio ruolo. Ho letto molto, imparando altrettanto da bravissimi dirigenti conosciuti all'estero. Il mio ruolo è quello di tenere l'equilibrio negli stimoli, che a volte non si forniscono solo con pacche sulle spalle, e creare empatia. L'empatia va ricercata, quella è il segreto, se vogliamo trovarne uno. L'empatia consente alle squadre a un certo punto di prendere il vento buono e diventare inattaccabili".

Questo vento buono Ronci lo ha individuato per la Virtus nello scorso febbraio: "Quest'anno arrivare alla Coppa Italia in cattive condizioni ha pizzicato il nostro senso di competizione. Ma quel vento bisogna andarlo a cercare e noi alla Virtus ne abbiamo tanti che sanno dove trovarlo”.

Poi non si può non parlare di Eurolega: “Non saremo una comparsa. Vogliamo restare più di un anno e partecipare alla vita e allo sviluppo dell'Eurolega. Lo faremo con competitività e umiltà. Per il mercato ci sarà tempo. Certo, oggi ritengo la Virtus una rising star, siamo cioè nella top ten dei club europei dove un giocatore vorrebbe giocare, e questo fisserà degli obiettivi per il nostro mercato. Fare l'Eurolega per entrare nelle prime otto richiede un roster strutturato eprofondo, che costruiremo”.

Parole al miele anche per coach Scariolo: “Sergio ha una serenità competitiva che lo caratterizza ma questo porta con sé un elevatissimo senso di esigenza. È la mentalità: pretende, e chi gioca qui è consapevole di dover dare il massimo. Con lui ho uno stimolante confronto quotidiano, siamo due persone molto riflessive".

Una battuta anche sulla lotta playoff in corso: “Noi vogliamo difendere lo scudetto e penso che, al massimo delle nostre possibilità, siamo una squadra molto difficile da battere”.

Shengelia rimarrà anche nella prossima stagione? “Quando ha firmato ci siamo fatti una promessa: prima raggiungiamo gli obiettivi, poi parliamo. Lui sta benissimo a Bologna, per noi è molto importante averlo. A fine playoff, saremo la reciproca priorità".

Infine, un giudizio sulla stagione di Mannion: “Nico ha avuto una malattia seria, non una indisposizione. E ha dovuto rincorrere tutta la stagione, sottoposto a giudizi costanti. Questo per lui non è stato l'anno uno con noi, ma l'anno 0,5. Finito il campionato citroveremo per rivalutare la situazione. Questa estate sarà molto importante per il suo futuro”.

Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner
Media Partner
Media Partner