News

Bertram Tortona, Ramondino a tutto campo: “Il Derthona è umile e ambizioso. La Virtus? Non ci prenderà sottogamba, serviranno testa e disciplina”

Il coach ha rilasciato un’intervista su “La Gazzetta dello Sport”

Bertram Tortona, Ramondino a tutto campo: “Il Derthona è umile e ambizioso. La Virtus? Non ci prenderà sottogamba, serviranno testa e disciplina”

A Vincenzo DI Schiavi su “La Gazzetta dello Sport”, il coach della Bertram Tortona Marco Ramondino ha identificato subito i segreti della sua squadra: “I giocatori. Gente votata al sacrificio. Il che non vuol dire alzarsi alle 5 di mattina per andare a lavorare nei campi, ma rinunciare alla propria visibilità personale per la ragion di Stato. Noi non abbiamo giocatori che spiccano nelle statistiche perché non pensano a quelle. E fa tutta la differenza del mondo".

Ramondino definisce così il Derthona: "Un'importante novità che, grazie alla famiglia Gavio, può dare molto a tutto il movimento. Penso al progetto del palazzetto e a un orizzonte europeo non per l'anno prossimo ma più probabilmente per quello dopo. Il dottor Gavio ci ha insegnato ad essere umili e ambiziosi”.

Già sono state poste le basi per il futuro, con il rinnovo del coach fino al 2024: “Sì, e quelli di Macura, Tavernelli e Severini. Altri ne arriveranno. Stiamo cercando di dare continuità, partendo dall'idea che quello che non abbiamo non è sempre meglio di ciò che già abbiamo".

Poi Ramondino ha rilevato i suoi primi passi da coach: "Giocavo, avevo una buona mano, ma il mio raggio d'azione era limitato. Il fisico, come avrete intuito, non mi ha aiutato. Il travaso è stato naturale. L'arrivo di Capobianco ad Avellino mi ha cambiato la vita. A lui devo molto ed è il coach che più mi ha influenzato. Poi devo gratitudine a Dalmonte, Bocchino, Markovski e Marcelletti”.

E ora cosa si aspetta dalla sfida con la Virtus? “Di certo non ci prenderanno sotto gamba. Il bilancio, al momento, è 2-2. Il loro talento è enorme. Noi non siamo ingrado di rispondere su tutto. Servirà testa e grande disciplina. Non siamo qui per accompagnare la Virtus in finale scudetto. Dovessero vincere loro, mi piacerebbe che dicessero: "Per quest'anno non li affrontiamo più"".

Ramondino, infine, è pronto alla sfida contro un grande coach come Sergio Scariolo: "Lui e Messina sono stat ifonte di ispirazione per la mia generazione. Guardando da dove sono partito, stare con loro sulla stessa linea laterale è tanta roba”.

Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner
Media Partner
Media Partner