News

Nutribullet Treviso, parla il presidente del Consorzio Paladin: “Cambiamo prospettiva passando a un business plan triennale. Vogliamo tornare a riempire il PalaVerde”

L’imprenditore è stato intervistato su “la Tribuna di Treviso”

Nutribullet Treviso, parla il presidente del Consorzio Paladin: “Cambiamo prospettiva passando a un business plan triennale. Vogliamo tornare a riempire il PalaVerde”

A Federico Bettuzzi su “la Tribuna di Treviso”, il presidente del Consorzio Piergiorgio Paladin ha parlato del futuro del club: “Cambiamo prospettiva. Finora l'attività del Consorzio era parametrata sulla singola annata, ora si passa ad un business plan di natura triennale che non riguarda più solo il tenere in ordine i conti e garantire un afflusso di risorse alla controllata sportiva. La crescita deve riguardare il Consorzio e di converso potrebbe influenzare la società sportiva controllata. Gli obiettivi tracciati sono economici, di conseguenza verranno quelli sportivi. Non dimentichiamo che, a differenza di altre realtà, UniVerso è proprietaria al 100% delle azioni del club: qui non ci sono patron o azionisti esterni che possono coprire eventuali debiti o prendersi delle responsabilità. Stiamo lavorando in CdA per elaborare i piani d'azione, che consegneremo a settembre”.

Lo stato di salute del Consorzio, secondo Paladin, è “molto buono, basti pensare che nonostante un’annata sportiva avara di soddisfazioni si sono registrati nuovi ingressi portando il totale soci a quota 150. E ci sono anche altre realtà imprenditoriali che chiedono di entrare, come consorziati o come sponsor, a dimostrazione che il modello è funzionale. Il Consorzio ha dieci anni di vita, di cui il primo a carattere embrionale e senza attività per partire realmente nel 2013. Da allora ne abbiamo fatta tanta di strada, crescendo non solo nei numeri ma nella qualità: lo dimostrano gli eventi, le Universiadi, il Park&Meet, i business game, le occasioni B2B, il gemellaggio con Trento”.

C’è un profilo ideale di socio del Consorzio? “Sicuramente quello dell'azienda del territorio, consapevole di dover restituire qualcosa: ciò avviene in maniera diretta, finanziando le giovanili, oppure indiretta, con l'entertainment che ruota attorno alla prima squadra. Ma c'è anche il profilo di imprenditori che, arrivando da fuori, vorrebbero investire per ottenere un contatto con la nostra realtà preservandone la sensibilità. La Public Company? Avevamo pensato ad aprire la partecipazione azionaria ai tifosi ma è un'idea che è stata accantonata a causa di una gestione piuttosto complessa”.

E ora l’obiettivo a breve termine è quello “innanzitutto di riempire il Palaverde. Dopo la pandemia vogliamo riportare il pubblico sulle gradinate e pensiamo di farlo con una campagna abbonamenti estremamente attraente. Il Consorzio è determinato, anche a costo di rimetterci dei soldi nel costo del biglietto o della tessera. Poi c'è lo Store in centro, un progetto che purtroppo è stato rallentato da alcuni problemi burocratici ma che contiamo di inaugurare prima di Natale”.

Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner