News

Dolomiti Energia Trentino, il punto di coach Molin: “L’obiettivo era costruire un gruppo di italiani dal valore importante. C’è entusiasmo e vogliamo stupire i tifosi”

L’allenatore del club bianconero è stato intervistato su “L’Adige”

Dolomiti Energia Trentino, il punto di coach Molin: “L’obiettivo era costruire un gruppo di italiani dal valore importante. C’è entusiasmo e vogliamo stupire i tifosi”

Il coach della Dolomiti Energia Trentino, Emanuele Molin, ha parlato a Stefano Parolari su “L’Adige” del nuovo roster a disposizione per la stagione: “L'obiettivo era, prima di tutto, di costituire un gruppo di italiani di valore importante. Le operazioni di conferma di Diego Flaccadorì, uscito dal Bayern, e vincolato per 2 anni, e di ingaggio in prestito di Matteo Spagnolo dal Reai Madrid sono state concepite con una strategia, tra club e settore tecnico, con tenacia e con lungimiranza. A fianco del capitano Toto Forray e di Lockett, sulle cui esperienza e qualità siamo tutti d'accordo, mi sono ispirato al chiama "triplay", ma che è soprattutto la concezione moderna delia batteria dì esterni e di registi. Palla in mano, ritmo, penetrazioni, tiri, amalgama in difesa con i lunghi e spiccata propensione al contropiede in campo aperto, sempre coinvolgendo i compagni, per aumentare l'intensità offensiva. Con loro quattro io avrò sempre una coppia di bravi e sapienti gestori della spinta agonistica. Produrre basket a più non posso. Il playmaking unito alla corsa e al tambureggiante "rock" senza respiro, tra esperienza e gioventù. Gli investimenti su "Fiacca" e "Spagna" in accoppiata atletica e muscolare con la saggezza e l'eleganza dì Toto e Trent. La stagione della rivincita nascerà tra qualche giorno con il lavoro per migliorare automatismi e integrazione”.

Molin parla anche della trattativa che ha portato all’arrivo di Matteo Spagnolo: “È stato una combinazione di confronti tra la sua agenzia, il front office del Reai Madrid e i dirigenti dei Timberwolves in Minnesota. La coordinazione di questi elementi in campo ha determinato il passaggio della carriera a Trento, per un altro salto di qualità. Poeta l'ha definito il regista futuro della Nazionale per 15 anni? Di certo sono orgoglioso di poter contribuire al programma generale e futuro sul giocatore, che rimane del Reai e che Minnesota ha individuato oltre il basket italiano. Inoltre teniamo sempre conto di Diego (Flaccadori, ndr), che conferma i giusti ragionamenti dell’Aquila sui settori giovanili e sulle valorizzazioni”.

Un parere poi anche sugli altri giocatori a roster: “Luca Conti con la batteria degli esterni che si ritrova non potrà che potenziare la sua inclinazione alla difesa, inoltre attendo miglioramenti in attacco. Il reparto dei lunghi è stato rifondato. Max Ladurner è un altro ragazzo di qualità e che all'Aquila continua la tradizione del settore giovanile. Atkins avrà bisogno di lui quando rifiaterà, ma le ali grandi hanno indiscusse abilità sotto canestro. Mattia James Udom, che a Verona trova il fratello Liam da rivale, è nel mirino della Nazionale di Pozzecco, poi c'è quell'Andrejs Grazulis che il direttore sportivo Gaddo, gran concertatore del mercato, ha individuato come elemento di punta a fianco di Atkins, dopo l'esperienza di Trieste. La fiducia non mi manca, ma ora sotto con il lavoro di preparazione. C'è entusiasmo e vogliamo di nuovo stupire i tifosi”.

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner
Official Radio