News

Simone Fontecchio lancia l’Italbasket contro la Serbia (ore 18, Sky Sport Arena ed ELEVEN) : “Pronti e compatti per provare a fermare la favorita per il titolo europeo”

L’ala degli Utah Jazz è stata intervistata su “Tuttosport”

Simone Fontecchio lancia l’Italbasket contro la Serbia (ore 18, Sky Sport Arena ed ELEVEN) : “Pronti e compatti per provare a fermare la favorita per il titolo europeo”

Parlando a Piero Guerrini su “Tuttosport”, Simone Fontecchio è pronto per la sfida di oggi delle 18 contro la Serbia, ritornando nella sua Berlino, città in cui si è messo definitivamente in mostra con l’ALBA: “Tornare qui è stato un bell’effetto, sono andato a fare un giro al mattino, ho riprovato sensazioni, sono riaffiorati ricordi. La città è incredibile, sono stato molto bene qui. E ora torno per giocare una partita importantissima in Nazionale. E noi proveremo a fermare la favorita per il titolo”.

Dagli spalti del Forum di Assago in questi giorni si è sentito molto il coro “MVP, MVP” rivolto nei suoi confronti: “Mi ha fatto impressione, certo una bella sensazione, ma al di là dei cori personali, il calore con cui siamo stati accolti, con cui la squadra è stata sostenuta è stato pazzesco. Ogni volta che si entrava in campo avevamo i brividi, a me veniva la pelle d'oca. Ci hanno trasmesso un'energia straordinaria”.

Il suo tiro da tre ormai fa scuola in Italia e non solo. È questione di tecnica o di testa? “Per me è il 70% la testa a fare la differenza, convinzione e concentrazione anche se è chiaro che le ripetizioni servono eccome, si memorizza, si automatizza. Un sistema? Io ho una routine prepartita, in allenamento invece faccio come mi sento, a volte 500 segnati, a volte bastano 200, a volte cento. Ripeto dipende da quando mi sento a posto, sono sensazioni”.

Fontecchio si è fatto accettare come prima punta, in una squadra con campioni affermati: “Ma questo è un gruppo davvero unito e compatto in cui ognuno lavora per gli altri, nessuno si sente superiore, né inferiore. E poi in campo ci sono ruoli chiari e ben definiti. Infine tutti si rispettano molto sul piano umano. È questa la nostra forza”.

Infine un ulteriore commento sulla partita odierna: “Sono certo che la Serbia non la prenda sottogamba. Sarà molto difficile, però lo sappiamo e sappiamo come fare. Ma ha talento diffuso ovunque, ha Micic che può fare tutto. Non hanno problemi a creare vantaggi. Ma noi siamo pronti e compatti”.

Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner