Rassegna Stampa

Il vicepresidente Giorgio Pedrollo e il momento della Tezenis Verona: "Non riusciamo a lavorare con intensità, ci attendiamo una risposta della squadra"

Il dirigente gialloblu ha parlato sul "Corriere di Verona"

Il vicepresidente Giorgio Pedrollo e il momento della Tezenis Verona: "Non riusciamo a lavorare con intensità, ci attendiamo una risposta della squadra"

“Giocare un ultimo quarto così, davanti a 4.800 spettatori, non va bene... Da qui a domenica avremo un confronto con la squadra. E a Treviso ci aspettiamo una reazione. Coperta corta? Diciamo che è corta se giochiamo così. C'è chi sta "performando" oltre le aspettative e chi invece deve dare di più. E se chi deve dare di più è titolare poi il problema si ripercuote su chi parte da dietro. A chi chiediamo di più? È evidente come Holman esca a sprazzi a volte dando quasi l'impressione di giocare meglio da 5. Sanders non ha fatto la preparazione estiva, lo sappiamo, ma le gare con Varese e Tortona non rispecchiano il suo valore. Noi partiamo da loro, per il ruolo di ala piccola e ala forte; quindi, il rendimento di entrambi è fondamentale. Lo stesso Casarin può darci di più, altrimenti rischiamo di dover chiedere troppo a Cappelletti in regia”.

Pedrollo sta individuando la chiave di questi insuccessi: “La verità è che non riusciamo a lavorare con tanta intensità, e questo ci fa arrabbiare, ma il perché non l'ho ancora capito”.

La testa ora va alla sfida salvezza sul parquet della NutriBullet Treviso (domenica ore 18 su Eleven): “Partita di grande valore, a Treviso, contro una diretta concorrente in lotta come noi. Ci attendiamo una risposta dalla squadra rispetto al secondo tempo con Tortona”.

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner
Official Radio