Rassegna Stampa

Il GM Arcieri e la cultura “americana” dell’Openjobmetis Varese: “Tutto ciò che è stato allestito è a disposizione dei giocatori per farli rendere al meglio”

Il dirigente biancorosso ha parlato su “La Prealpina”

Il GM Arcieri e la cultura “americana” dell’Openjobmetis Varese: “Tutto ciò che è stato allestito è a disposizione dei giocatori per farli rendere al meglio”

Michael Arcieri, GM dell’Openjobmetis Varese, ha presentato il derby EA7 Emporio Armani Milano – Openjobmetis Varese (ore 18.30 su Eleven Sports e NOVE), parlando del dualismo e delle differenze tra le franchigie americane Rockets (che hanno fatto da guida con il loro stile di gioco per l’attuale Varese) e Spurs (in cui ha allenato Messina): “La cultura fondamentale, nell'importanza del lavoro e nelle cure dei giocatori, è molto simile tra San Antonio e Houston, così anche tra Varese e Milano. Sul campo, però, Spurs e Rockets giocavano diversamente e allo stesso modo anche noi e l'EA7 pratichiamo stili diversi. L'Olimpia ha tanti giocatori abituati a un basket ragionato sui 24 secondi. Il nostro stile è opposto, speriamo di poter impostare il nostro ritmo anche se sarà durissima contro una squadra fortissima e motivata dopo la sconfitta di Trento. Ma questa partita potrà dirci chi siamo e fino a che punto stiamo lavorando bene”, come dichiarato a Giuseppe Sciascia su “La Prealpina”.

Sicuramente oltre ad Arcieri, c’è grosso coinvolgimento con l’AD Scola e il coach Brase: “L'allineamento tra proprietà, manager e allenatore è la cosa più importante, perché permette di trasmettere una filosofia condivisa. Il nostro stile non può contemplare giocatori che non possono correre, saltare o tirare. Sulla base di ciò abbiamo cercato già in primavera elementi adatti per applicare le nostre idee. E i risultati si vedono. Tutto quel che è stato allestito è a disposizione dei giocatori per metterli in condizione di rendere al meglio”.

Questa cultura sembra essere apprezzata molto anche dai giocatori: “Gli americani trovano un sistema cui sono abituati, ma tutti i nostri cestisti, compresi gli italiani, apprezzano molto quel che stiamo facendo offrendo loro la possibilità di migliorare. Di ciò siamo contenti: non siamo gli unici a fare player development ma ci rendiamo conto di fare le cose in maniera un po'diversa. I giocatori sono contenti e hanno fiducia in quello che gli chiediamo di fare".

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner
Official Radio