Recap

Weems e Shengelia decisivi, la Virtus Segafredo Bologna batte all'overtime la Carpegna Prosciutto Pesaro davanti a 9211 spettatori

Non bastano ai padroni di casa i 20 punti a testa di Abdur-Rahkman e Kravic

Weems e Shengelia decisivi, la Virtus Segafredo Bologna batte all'overtime la Carpegna Prosciutto Pesaro davanti a 9211 spettatori

Carpegna Prosciutto Pesaro - Virtus Segafredo Bologna : 82 - 87

Vitrifrigo Arena 26/12/2022 19:00

La Virtus Segafredo Bologna supera la Carpegna Prosciutto Pesaro dopo una battaglia sportiva prolungatasi al tempo supplementare. Inizio sprint dei padroni di casa, che si affidano agli infuocati Cheatham (10 punti) e Charalampopoulos da tre punti per provare una prima fuga sul 9-2. Dopo un appoggio di Kravic (20 punti e 8 rimbalzi), la Segafredo firma uno 0-8 di controparziale cavalcando Shengelia (19 punti, 10 rimbalzi, 4 assist, 6 falli subiti e 34 di valutazione) e Jaiteh (14 punti e 8 rimbalzi) sotto canestro, oltre a un preciso Lundberg (11-12). Successivamente, l’energia di Moretti (8 punti) e Totè replica a uno Shengelia inarrestabile in versione assistman per Jaiteh e Bako (16-17). Al termine del quarto, una sola schiacciata di Totè non argina le folate di Hackett (7 punti, 6 rimbalzi e 4 assist) e soprattutto Weems (11 punti), autore delle due triple che lanciano gli ospiti sul 18-25 al 10° minuto. Nel secondo periodo, si accende Abdur-Rahkman (20 punti, 5 rimbalzi e 4 assist) con due bombe consecutive e la tripla di Mazzola sigilla un break di 9-0 che fa rimettere la testa avanti ai padroni di casa sul 28-27. Grazie ad un super Shengelia, la Segafredo risponde comunque colpo su colpo e replica alla presenza di Kravic e Jaiteh firma il 34-33. Al termine del tempo, Shengelia e Cheatham si scambiano colpi da tre punti e il duo Moretti-Charalampopoulos (13 punti, 9 rimbalzi e 5 assist), realizza i tiri liberi che permettono alla Carpegna Prosciutto di restare avanti nel punteggio al 20° minuto (40-39).
Domina l’equlibrio anche in avvio di ripresa, quando Mannion e una bomba di Lundberg (12 punti) rispondono ai canestri da vicino di Kravic e Charalampopoulos (44-44). Successivamente, Abdur-Rahkman si prende il palcoscenico con un paio di canestri mozzafiato e un super assist per la corsa di Kravic del +6. Pajola ferma il momento favorevole ai marchigiani con una bomba e poi Hackett impatta immediatamente a quota 53 grazie ad un gioco da tre punti in penetrazione. Proprio il playmaker ex di turno fa proseguire il break bianconero fino allo 0-10, prima che Abdur Rahkman rimetta in carreggiata i suoi sul 55-57. Al termine di un intensissimo terzo quarto, Abdur-Rahkman e Kravic da rimbalzo in attacco annullano gli effetti di una schiacciata di Bako (10 punti e 5 rimbalzi), portando il match sui binari del perfetto equilibrio all’ultimo quarto (59-59).

Uno scatenato Kravic prova a lanciare la VL sotto canestro, Teodosic appoggia il -2 Segafredo ma una bomba di Mazzola incendia la Vitrifrigo Arena per il 66-61. Successivamente, Weems dalla lunetta e Lundberg da tre punti non fanno assolutamente perdere contatto ai bianconeri. Dopo una gran tripla in transizione di Moretti, è Cheatham a sciogliere la tensione segnando dal centro dell’area un floater che vale il 71-67 a 3 minuti e mezzo dal termine. Shengelia quindi in penetrazione si fa valere per il -2 ma Bako ed Hackett falliscono le opportunità del riaggancio. Si entra così nell’ultimo minuto di partita, quando Cheatham sbaglia da tre punti e Pajola firma solo uno dei due liberi guadagnati in penetrazione (71-70). Cheatham in fade-away, perciò, rimette un possesso pieno di distanza tra le squadre ma l’uscita dai blocchi di Belinelli pareggia i conti a 16” dalla fine. L’ultima opportunità di Moretti viene sporcata da Lundberg e poi una preghiera da oltre metà campo di Hackett si infrange sul primo ferro. Si va così all’overtime.

Il tempo supplementare si apre con un botta e risposta tra Charalampopoulos (dal post-basso) e Lundberg (dalla lunetta), prima che Shengelia dalla lunetta sparigli la situazione sul 77-79 segnando svariati tiri liberi. Dopo un appoggio vincente di Kravic, Teodosic sale in cattedra realizzando la bomba del +3 bianconero a 2 minuti e mezzo dalla fine ma Abdur-Rahkman pareggia con la stessa moneta. La Virtus mantiene però maggiormente il sangue freddo e realizza i canestri poi rivelatesi decisivi prima in penetrazione con Shengelia e infine da tre punti con Weems, capitalizzando dagli errori finali di Charalampopoulos e Abdur-Rahkman. Finisce 82-87.  

Gli highlights della partita

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner
Official Radio