News

Bipop: supertassa diluita in due-tre anni

Landi, presidente della Bipop: «Le società disponibili a concedere la rateizzazione»

Bipop e Sicc ammesse alla serie A assieme ad altre 14 squadre; Reggio Calabria e Roseto rimandate al 10 luglio per una nuova verifica; le retrocesse Trieste e Messina per ora non ammesse alla Legadue. Questo il responso delle assemblee di Lega A e Legadue. Ma per quanto riguarda la supertassa d’iscrizione alla massima serie (250mila euro), i dirigenti reggiani e jesini non hanno ottenuto grandi risultati.
Com’è andata all’assemblea di Bologna?
«Abbiamo parlato in particolare della situazione di Roseto - risponde Stefano Landi, presidente della Pallacanestro Reggiana, ieri al debutto ufficiale in serie A - e, per quanto riguarda la supertassa, il presidente Prandi ha introdotto l’argomento citando la lettera che ho inviato ai presidenti dei club prima dell’assemblea in cui è stato deciso l’aumento da 25mila a 250mila euro». A quell’assemblea, in maggio, la Bipop non ha potuto partecipare perché non ancora ufficialmente entrata in serie A, pur avendone acquisito il diritto grazie al primo posto al termine della stagione regolare.
Avete fatto valere le vostre ragioni?
«Abbiamo preso la parola noi e Jesi - spiega Landi - e abbiamo sostenuto le nostre motivazioni: non riteniamo corretto questo fortissimo aumento della tassa d’ammissione, che ci mette in condizioni di disuguaglianza rispetto agli altri club. Sulla stessa lunghezza d’onda si sono espressi i dirigenti di Jesi».
Le reazioni?
«L’assemblea non ha ritenuto convincenti le nostre dichiarazioni e non c’è stata alcuna votazione. Pertanto, viene confermata la delibera approvata in maggio».
Nessuna società A ha detto che Reggio e Jesi qualche ragione ce l’hanno?
«No, nessuna».
Certo, tanto nessuna di loro deve pagare 250mila euro. Un risultato negativo, per le neopromosse.
«Non del tutto: mi sembra ci sia l’apertura e la disponibilità, da parte dell’assemblea, a fare in modo che la supertassa venga diluita in un certo numero di anni, magari due o tre».
A questo punto che cosa faranno Bipop e Sicc?
«Intanto spero che le due società viaggino di pari passo. Ma anche solo una delle due potrebbe chiedere che nell’ordine del giorno della prossima assemblea venga inserita la rateizzazione».
E’ questa la strada? O ci sono alternative?
«L’unica alternativa sarebbe quella che passa per le vie legali. Non penso che arriveremo a questo punto, e nemmeno Jesi. Ma da qui alla prossima assemblea c’è tempo. Rifletteremo. Nel frattempo, abbiamo versato i 250mila euro e siamo stati ammessi ufficialmente alla serie A, risultando fra le 7-8 società in regola coi documenti fin dalla prima scadenza (14 giugno). Non è il male di aspettare un mese in più o in meno per risolvere la questione-supertassa. Il presidente Prandi ha ribadito le ragioni che hanno portato a decuplicare la cifra».
E vi ha convinti?
«Non del tutto. Ma terremo conto di ciò che ha detto».
Mauro Grasselli
TAGS
Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner