News

La Comtec estromette Teramo e Roseto

Stefano Landi (Bipop) «Per noi una squadra o l’altra è uguale»

Rischia di mutare la geografia del basket. Il Comtec - l’organo della Fip preposto alla revisione dei conti - ha giudicato Teramo e Roseto non in regola per l’iscrizione al campionato. I due club hanno tempo fino al 22 luglio per presentare ricorso. Se, all’ulteriore controllo, entrambe non risultassero in regola, la serie A passerebbe da 18 a 16 squadre. In caso di un ripescaggio, pronta la Virtus Bologna.
Che Teramo fosse alle prese con alcuni problemi societari lo si era colto anche dall’improvviso forfait del coach Cesare Pancotto alle Summer Leagues americane, alle quali avrebbe dovuto andare con il diesse reggiano Massimo Grisanti. Ma dei due club, a rischiare maggiormente è Roseto, nel caos ormai da mesi, dopo l’abbandono di Enzo Amadio, planato a Pesaro.
Dei tumulti estivi del basket abruzzese potrebbe goderne la Virtus Bologna, sempre pronta a ritornare tra le stelle. Non è un segreto che il patron Claudio Sabatini da settimane scalpita per rientrare dalla porta di servizio in quella serie A sfuggitagli sul campo. Le dichiarazioni al vetriolo del presidente bianconero su presunte illegalità nell’operato della Legabasket relativamente alle iscrizioni al prossimo campionato (secondo Sabatini, non sarebbe prevista dai regolamenti la proroga di cinque giorni concessa a Roseto e Reggio Calabria, non in regola con i pagamenti) hanno fatto scattare le indagini della magistratura. Pesanti e pressanti le richieste dell’infumanato Sabatini, che ha chiesto alla Fip il nulla osta per procedere al sequestro conservativo di beni della Lega e di quelli personali del suo presidente, il reggiano Enrico Prandi. Il quale, non appena diffusa la notizia, si è detto «sereno, perché la Lega ha agito correttamente, secondo le norme».
LANDI. «Sabatini ritiene esistano situazioni che lo hanno danneggiato - ha commentato il presidente della Pallacanestro Reggiana, Stefano Landi - e si è rivolto alle sedi opportune per far valere le proprie ragioni. Noi siamo appena entrati nella Lega A, dove il presidente garantisce il regolare svolgimento dell’assemblea che, del resto, mi pare non sia mancata, e poco ci cambia se la geografia della serie A cambia. Roseto o Virtus per noi è uguale».
«Ricordiamo tutti - ammette Landi, le cui simpatie virtussine sono note - che nell’ultima stagione di Legadue abbiamo avuto l’onore di incontrare per due volte la Virtus e di batterla in entrambe le occasioni. Sarebbe bello accadesse anche in serie A».
MERCATO. L’ex Bipop Sandro Dell’Agnello è in procinto di diventare il vice allenatore di Livorno. «Sandrokan» aveva ricoperto il ruolo di allenatore della Bipop per un breve periodo, due anni fa, prima di rassegnare le dimissioni per motivi personali. Destinazione Biella per la guardia-ala Simone Flamini, cercata nei mesi scorsi anche dalla Pallacanestro Reggiana. Cantù ha confermato il lungo Shaun Stonerook mentre Jesi sta valutando l’ingaggio di Mauro Liburdi, testato in giugno dalla Bipop. Rescisso il contratto con Trieste, il reggiano Roberto Casoli è nel mirino di Livorno e Virtus Bologna.
Linda Pigozzi
TAGS
Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner