News

Teramo, ingaggiato lo sloveno Duscak

E’ una guardia di 30 anni, ha una grande esperienza internazionale, ha giocato negli Europei del 2003

Comincia a prendere forma il nuovo Teramo basket che, risolti tutti gli altri problemi (ma non ha ancora lo sponsor principale), ha ingaggiato la guardia slovena Slavko Duscak, nato a Lubiana nel 1974, alto 195 centimetri, che ha firmato un contratto di durata annuale. Decisamente corposo il suo passato nella pallacanestro, infatti Duscak ha giocato l’ultima stagione nella squadra slovena del Bc Krka Novo Mesto, disputando l’Eurolega. La guardia è cresciuta nello Slovan Lubiana con il quale ha fatto il suo esordio nella massima serie slovena, nel 1996 ha partecipato ai Campionati Europei Under 22 con la sua nazionale passando successivamente all’Olimpia Lubiana dove ha vinto tre Campionati e più volte la Coppa nazionale. Nel 2000 ha indossato la casacca del Pivovarna Lasko, club con il quale ha disputato due volte la Saporta Cup segnando 20.9 punti di media il primo anno e 16.9 il secondo. Nella Lega Adriatica è stato eletto Mvp nel 2002. Ha vinto per due anni di seguito la gara del tiro da tre punti nell’All Star Game sloveno. Nel 2002 si è trasferito al Bc Krka Novo Mesto ed ha rivinto il titolo sloveno nel 2003. Ha partecipato all’Uleb Cup dove ha disputato la finale, realizzando 16.5 punti di media a partita. La stagione scorsa, sempre al Krka, Duscak ha giocato in Eurolega, è membro della Nazionale slovena con la quale ha giocato gli ultimi Campionati Europei in Svezia nel 2003. Il Teramo oltre a Duscak aveva già confermato il capitano Lulli e resta in attesa di ottenere, attraverso la formula del prestito via Siena, la guardia-ala Michel Morandais classe 79.

Intanto Claudio Sabatini, presidente della Virtus Bologna, continua a tenere nel mirino l’Abruzzo ed ha puntato il dito contro Roseto e contro l’ex presidente del Roseto Amadio oggi alla Scavolini Pesaro. Infatti Sabatini ha detto: "Almeno ora sappiamo che disputeremo il campionato di Legadue. Altri commenti non ne faccio: ricordo però che in A, al nostro posto, giocherà una squadra, Roseto, accusata da un tesserato di non aver onorato un contratto in nero". Sabatini ha poi ricordato la vicenda "della firma falsa" che fa riferimento ad un presunto credito vantato dal giocatore Miroslav Rados evic nei confronti della società rosetana, e che vedrebbe coinvolto l'ex numero uno di Roseto, ora a Pesaro, Amadio appunto.

GUSTAVO BRUNO
Fonte: Il Messaggero
TAGS
Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner