News

Fabriano ritrova John Turner

I pivot torna a Fabriano dopo nove anni

FABRIANO - Sembra ieri e invece sono passati quasi nove anni dal primo sbarco a Fabriano del pivot John Turner, chiamato allora da Massimo Mangano a sostituire l'infortunato Jay Murphy. In quel glaciale pomeriggio di febbraio del '94, al primo allenamento, c'erano quasi mille persone per vedere all'opera il ragazzone del Mississipi, fresca prima scelta Nba capace di infiammare la platea a suon di schiacciate, per chiudere quella stagione a 21,4 punti e 8,5 rimbalzi di media. Sognava l'Nba, 'Big' John, invece non si è più mosso dall'Italia, girovagando su e giù per lo stivale tra Siena, Livorno, Pistoia, Roma, Pozzuoli e Napoli. Voluto quest'anno da coach Carmenati per fare la chioccia del giovane gruppo allestito, Turner, 35 primavere e 205 cm, meno esplosivo e più tecnico, è alla sua terza esperienza a Fabriano, dov'era già tornato nel '97/98 (17,6 punti e 8,6 rimbalzi). Torni a Fabriano per la terza volta, come affronti questa avventura?
«Con tante motivazioni. Qui ho cominciato alla grande e qui, perché no, vorrei anche concludere alla grande».
Credi che sia possibile ripetere un gioco esaltante come allora con Williams?
«E' possibile. Il gruppo è buono. Sono fiducioso».
Due anni fa, quando tu e Carmenati eravate a Napoli, avete perso la finale di A2 proprio contro Fabriano, cosa ricordi di quella serie?
«Fu veramente strana. Avevamo giocato una grande regular season battendo Fabriano quattro volte su quattro. Ai play-off, invece, Fabriano a sorpresa ci fece fuori 3-0». Stasera seconda serata del torneo di Cervia: Fabriano affronta Livorno o Roma.
Ferruccio Cocco
Fonte: Il Messaggero
TAGS
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner