News

Abbio, quando l’età non conta

Si è già integrato con un avvio sprint: e domani debutta

Le grandi manovre. Smaltiti i postumi goderecci del brillante happening di mercoledì sera ai bagni Pancaldi, Basket Livorno si è rimesso in moto in palestra già nella giornata di ieri. L’obiettivo per coach Paolo Moretti e soci è infatti quello di presentarsi nelle migliori condizioni possibili al nuovo quadrangolare previsto sulla fitta tabella di marcia del precampionato amaranto.
L’appuntamento, in agenda tra domani e domenica a di Castelfiorentino, rappresenta ormai un rendez- vous tradizionale sul cammino di Livorno verso l’ennesima stagione agonistica. Ma nonostante questo, il “Memorial Vasco Martini” conserva intatti fascino e prestigio, considerate soprattutto le avversarie che la Bielle si troverà ad affrontare. Oltre ai cugini del Montepaschi Siena e la neopromossa blasonata Virtus Bologna, la prima avversaria sulla strada dei labronici sarà l’Armani Jeans Milano. Contro l’Olimpia vicecampione d’Italia, nella prima semifinale del torneo (20,30) si ripeterà una vera e propria ‘classica’ che nessuno dei due club, neanche in amichevole, tiene a lasciarsi sfuggire.
Emergenza lunghi. Battere le scarpette rosse sarà però impresa difficile anche senza i due punti in palio. Non tanto per il valore indiscusso dell’avversario, tra le cui file troveremo per la prima da avversario un già scatenato Preston Shumpert (nel Memorial Boz giocato in Friuli ha impressionato contro Reggio Emilia ed Udine, sfiorando i 20 punti di media) quanto per le condizioni non ancora ottimali del gruppo BL. Ieri infatti si sono allenati quasi tutti, anche se Abbio è arrivato solo da due giorni e nel pacchetto lunghi suona ancora l’eco della sirena d’emergenza, considerati gli stop di Phillips e Gomez. Se lo spagnolo dovrà attendere ancora l’inizio della prossima settimana per togliere i punti dalla mano sinistra, per la coscia del pivot naturalizzato francese i tempi di recupero si stanno facendo più lunghi del previsto: per la contrattura muscolare alla coscia di 15 giorni fa durante il ritiro a Maresca, il totem bianco sino ad ora ha saltato tutti i test e con buona probabilità non scenderà in campo neanche durante la due giorni in Val d’Elsa.
Abbio ok. In compenso, i fedelissimi amaranto che seguiranno la truppa nella vicina trasferta potranno godersi l’esordio ufficiale di Alessandro Abbio. Uno spettacolo mica da poco, specialmente se ‘Picchio’ è in forma come si dice. «L’ho visto in condizioni discrete, per non dire buone - commenta a fine seduta Sandro Dell’Agnello - per il momento tiene lo stesso passo dei compagni. Si è già integrato con un avvio sprint: per cui non mi spaventerei se tra qualche giorno accusasse una leggera flessione fisiologica». Abbio, 150 partite in nazionale e una bacheca di trofei da fare invidia (potete leggerli sopra nella sua scheda personale), potrebbe diventare il valore aggiunto di Basket Livorno, l’uomo giusto per incendiare la fantasia dei tifosi e anche la campagna abbonamenti.
Il torneo. Se Abbio magari sogna già di battere Milano nel match inagurale di domani alle 20.30 (il team di Lardo avrà sulle spalle anche l’amichevole di stasera a Montecatini e quella persa in settimana a Pavia) e poter incrociare la ‘sua’ Virtus nella finalissima di domenica, Dell’Agnello tiene invece i piedi saldamente a terra. «Si comincia a fare molto sul serio, contro tre squadre favorite per lo scudetto - commenta il tecnico in seconda -. Cercheremo per questo di dare il meglio, anche se sappiamo bene che al momento non potrà coincidere con il vero 100% delle nostre potenzialità. Tutti i recenti infortuni hanno ritardato i nostri programmi iniziali».
Andrea Puccini
Fonte: Il Tirreno
TAGS
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner