News

Bell suona la sveglia, la Virtus soffoca Trieste

Charlie fa 16 punti in 6´ e tutto diviene facile: il gruppo Tanjevic sempre più squadra

UNA mano che strangola in difesa, togliendo alla vittima aria e certezze. E una fila di buoni giocatori che, in attacco, qualcosa combinano sempre, da soli o insieme. Prima Bell, poi Avleev, poi i lunghi, poi Dial. Niente di sfarzoso, ma ne nasce un +18, alla fine, rotondo: e Trieste non è una squadraccia, solo che si è persa per strada, trovando difficile fare tutto, e prima di tutto i tiri da tre, che dovrebbero darle fuoco. Col 19%, puoi anche difendere benino e avere una logica, ma non vai da nessuna parte se poi trovi una Virtus che, appunto, s´è rimessa ad alzare muri. 15 rimbalzi in più (e 18 catturato in attacco), 21 recuperi contro 13 perse, i mattoni impilati dalla banda Tanjevic sono stati tanti. «Non dovevamo fare un compitino, ma una partita feroce», ha sintetizzato Pancotto. La fotografia è perfetta. L´8/15 di Kelecevic salva come migliore in campo il croatone sghembo, mentre Erdmann (4/10) e Roberson (4/16) sono stati fasulli e, di Maric e Cavaliero, non s´è fatto un playmaker.
La Virtus, adesso. Non è stata travolgente, però solida, e tanto basta, almeno in casa. Qualche test più probante arriverà adesso in trasferta, a partire da Istanbul, giovedì, e Roma, domenica: passaggi a vuoto prolungati come ieri, per tacere di un avvio orripilante, non vengono di solito perdonati. Il cammino sarà lungo, per diventare squadra, ma intanto è cominciato. E la dovizia, appunto, aiuta. Uno che levi le castagne dal fuoco salta spesso fuori, e quel che ha fatto ieri Bell, nei primi 6´ del secondo quarto, è stato accecante: 16 punti sono un numerone, ma ancora non spiegano tutto. Quel che hanno smosso, semplicemente, è che fin lì c´era stata in campo solo una squadra: Trieste. Di lì in poi, un´altra: la Virtus. Anche se poi Charlie ai 20 del thè s´è fermato, dando prova di dismessi egoismi: nella ripresa, dopo qualche errorino, s´è messo a scartare bon-bon per i compagni, facendo un petto a petto a centrocampo, di scoppiettante festosità, col fratellone Dial, appena rifornito (e ne aveva bisogno).
Brutta che più brutta non si può, la Virtus segna nel primo quarto la miseria di 10 punti, e il -7, alla fine, non è neppure una tragedia: deve già sospettarlo pure Pancotto, che passeggia davanti alla panca come una pantera allo zoo, infuriato con gli sprechi dei suoi. Quando infatti la Virtus smette di camminare e decide di sbattersi, Trieste vede la notte: i segni di vita la banda Tanjevic li dà cacciando, finalmente, qualche palla nel rusco, poi ci sono i 6 minuti divini di Bell e, in capo a un tremendo 22-5, Trieste si trova sotto di 8 (il 30-22 del 16´, dall´8-17 del 9´). Tanjevic azzecca l´assetto con tre piccoli, usa bene Avleev da 4, dopo aver tentato prima, invano, di opporre ai due pivot di Trieste i suoi due (anche il tenero Miralles). Il secondo quarto scrive 28-13 ed è una ventata che squassa Trieste, che ha Roberson svagato ed Erdmann toccato duro in un contatto e dentro e fuori senza costrutto.
La Virtus riappare dall´intervallo distratta e appesantita. Ci mette 3´ a trovare il primo canestro, e ancora una volta Trieste limita ai minimi il suo assalto. Con un 7-0 risale a -1, prova ad aggrapparsi alla partita, ma quando Scarone gioca 3´ da regista perfetto, imbeccando i tagli di Frosini e Avleev, per 6 punti filati, la difesa giuliana si liquefà e la partita scappa. La Virtus si alimenta adesso dei canestri dei lunghi (anche Koturovic), stacca un +10 al 30´ già pieno di promesse e lo dilata nell´ultimo quarto, quando Trieste, più che sfiduciata, sembra una squadra che non vede l´ora di girare i rubinetti della doccia. I 26 punti che segna nel secondo tempo dicono tutto. Un compitino. Pieno pure di macchie.
VIRTUS-TRIESTE 74-56
Virtus: Dial 17, Bell 20, Brkic, Avleev 13, Frosini 9, Scarone 3, Rigaudeau, Koturovic 12, Attruia, Miralles.
Trieste: Maric 2, Erdmann 11, Roberson 11, Podestà 9, Kelecevic 20, Cavaliero, Casoli 1, Pigato, Camata 2. N.e. Delise.
Arbitri: Mattioli, Corrias, Sardella.
Note: liberi: Bo 10/15, Ts 9/16. Da due: Bo 23/52, Ts 19/44. Da tre: Bo 6/17, Ts 3/16. Rimbalzi: Bo 49, Ts 34.
Parziali: 5´ 6-8, 10´ 10-17, 15´ 27-22, 20´ 38-30, 25´ 42-41, 30´ 57-47, 35´ 67-51, 40´ 74-56. Massimo vantaggio Virtus: +18 finale. Massimo svantaggio: -9 (8-17) al 9´.
Walter Fuochi
Fonte: La Repubblica
TAGS
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner