News

Air: parte Bracey, arriva Collins

E' arrivata la prima modifica del roster biancoverde

Si attendevano cambiamenti, in casa Air, in vista della prossima sosta di campionato. E così è stato. Il roster biancoverde ha già subito una prima modifica in seguito all'ormai ufficiale taglio di Bryan Bracey, che andrà a giocare in Israele. Markovski si "consolerà" con l'arrivo ad Avellino della forte guardia James Collins. Statunitense, classe 1973, Collins può vantare doti tecniche di buon livello. Sa segnare praticamente da qualsiasi posizione (anche in penetrazione, grazie alla propria prestanza fisica) ed ha già dimostrato di poter dare un onesto contributo anche in fase difensiva. Ha giocato per diversi anni in Cba, mettendosi particolarmente in luce nella stagione 2000/01, culminata con l'inserimento nella formazione ideale del campionato. Collins può vantare anche esperienze europee con le formazioni dello Strasburgo (Francia) e della Juventud Badalona (Spagna). Nella stagione in corso ha collezionato qualche presenza anche nella massima divisione Venezuelana, ma ora, forse già a partire da domenica, può dirsi a tutti gli effetti un giocatore dell'Air. Posizionato questo primo tassello, però, ora c'è da sistemare il settore lunghi. Nel mirino della Scandone c'è ancora Michele Maggioli, ma ci sono da superare i soliti problemi di natura economica. Stesso discorso per Ambrassa, che, però, potrebbe non essere tra le priorità di coach Markovski, maggiormente interessato all'ingaggio di un nuovo pivot. Tutto dipenderà, comunque, soprattutto dall'eventuale cessione di altri due giocatori. Il maggiore indiziato resta Alex Kuhel, ma non è escluso che tra i possibili partenti possa esserci anche Corrales. La Torre potrebbe essere tagliato, invece, nel caso che ad Avellino dovesse tornare Michele Maggioli. Insomma, per Benigni e soci non sarà affatto facile puntellare i settori "traballanti" del team biancoverde, ma, fino alla prossima settimana, non sono da escludersi altre sorprese. Intanto un paio di "sorpresine" le ha avute proprio la Scandone. Una nuova ispezione della Comtec e l'inatteso arrivo della squalifica, per un turno, del Paladelmauro, hanno a dir poco movimentato la giornata dei dirigenti di galleria Giordano. Ma, se per la Comtec la Scandone risulta essere ancora in regola, lo stesso non può dirsi per il pubblico del Paladelmauro, punito (a nostro avviso ingiustamente) per la festosa invasione di sabato sera. La squalifica del campo potrà essere commutata in ammenda (si parla di 5000 euro), ma la dirigenza biancoverde ha già preparato il ricorso. Che l'invasione sia stata pacifica o meno, però, è chiaro che così proprio non va! Una simile manifestazione di esultanza, da parte dei tifosi, può anche starci dopo 20 combattutissimi minuti di gara. Non sta né in cielo né in terra, però, che il servizio d'ordine, pur avendo circondato l'intero perimetro di gioco, non abbia saputo contenere l'invasione di campo. Il fatto è ancora più grave se si pensa che, appena due settimane prima, già altri tifosi erano riusciti tranquillamente ad avvicinarsi agli arbitri pochi istanti dopo la sirena di chiusura.
Raffaele Giusto
Fonte: Il Mattino
TAGS
Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner