News

Basile riprende le chiavi della Skipper

«Ci vuole più aggressività»

Il PalaDozza è impegnato (ci sono i Ds), così la Skipper torna alle origini. E il primo allenamento a ranghi quasi completi – mancano Barton, Skelin e Van den Spiegel, che arrivano solo in tarda serata, Kovacic invece è infortunato – si consuma nella storica palestra di via San Felice. Sono in Furla, i giocatori della Fortitudo, e fanno la conoscenza con il nuovo coach.
Un primo impatto, è chiaro, in attesa di approfondire le idee dell'allenatore croato che, almeno inizialmente, non farà rivoluzioni di sorta, perché il tempo è poco e il match con la Pompea Napoli è alle porte. «Non abbiamo parlato di tecnica – conferma capitan Basile – e, comunque, i cambiamenti in attacco saranno minimi. Così hanno detto subito gli assistenti. Quello che ci chiede Repesa è una questione difensiva, un cambio di atteggiamento mentale, più aggressività».
Basile è il capitano e in tempi nemmeno troppo lontani aveva preso le difese (giusto che si comportasse in quel modo) di Matteo Boniciolli.
«L'ho chiamato — dice Baso —, ci siamo parlati. Ma quello che ci siamo detti resta una roba tra me e lui. Il suo esonero, in fondo, era nell'aria, non è stata una scelta improvvisata. Se ne parlava, ne parlavano i giornali e le televisioni: era chiaro, a quel punto, che non fossero delle semplici chiacchiere da bar. Ma questo fa parte dello sport. Quello dell'allenatore è un mestiere difficile, molto difficile. Se qualcosa non va in un gruppo, se qualche cosa non va per il verso giusto, non è possibile cambiare tutta la squadra. Si fa prima ad avvicendare l'allenatore. E' quello che è successo in questi giorni alla Fortitudo. Ma è chiaro che le responsabilità non fossero tutte sue. Ci sentiamo chiamati in causa, ci sentiamo in colpa».
E' il capitano della Fortitudo, Gianluca, parla da leader coinvolgendo anche i tifosi. «E' una situazione che i nostri tifosi hanno già vissuto. E' una storia che si ripete. Magari è dura capire un esonero che arriva l'indomani della vittoria nel derby, che resta una delle partite più sentite da questa città. Però i tifosi devono comprendere le esigenze della società. E' stata presa una decisione, bisogna accettarla. Anche perché l'obiettivo è quello di lavorare sempre meglio per il bene della Fortitudo».
Alessandro Gallo
TAGS
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner