News

La Snaidero punta su Mikhailov

Pillastrini farà partire il russo in quintetto

Mihail Mikhailov contro Jeffrey Stern. Il primo round l’ha vinto il russo, ma l’americano è pronto a battagliare ancora. Non è un match di pugilato, è la sfida per contendersi la maglia di pivot titolare della Snaidero nei prossimi impegni di campionato e coppa Uleb. Starter fisso con Fabrizio Frates, Stern ha dovuto cedere il passo a Mikhailov, che ha finalmente trovato smalto atletico e sincronismi più efficaci coi compagni di squadra. Tecnicamente più completo il russo, capace di evoluire sia in post basso, sia fronte a canestro; più esplosivo l’americano, entrato nei cuori dei tifosi che apprezzano il suo stile di gioco generoso.
Già nell’amichevole di mercoledì scorso, vinta 92-78 con i croati del Rijeka, Pillastrini ha anticipato la scelta di Mikhailov centro titolare, definendola non definitiva, ma giustificandola con l’apporto fondamentale dal punto di vista tattico che offre il 206 proveniente dall’Ural Great Perm, più convincente da centro che da ala forte. Mihail non dà grande importanza alla cosa: «Sono pronto a fare ciò che mi verrà chiesto e credo non sia importante chi fa parte del quintetto base. Sarà invece fondamentale giocare bene, per fare risultato e dimostrare coesione di squadra. Personalmente sto molto bene, grazie al professor Sepulcri che mi ha rimesso in forma. Più in generale, la partenza di Mulaomerovic e l’arrivo di coach Pillastrini hanno cambiato volto alla Snaidero e in queste due settimane di pausa abbiamo avuto la possibilità di lavorare sulle nostre lacune. In pratica, inizia per noi una nuova stagione. E speriamo di cominciarla vincendo con Varese».
Amareggiato Jeffrey Stern, al quale dispiace parecchio aver perso il posto da titolare: «Sono davvero deluso. A Udine da tre mesi, ho sempre lavorato sodo per farmi trovare pronto a ogni chiamata e con atteggiamento sempre positivo e mettendoci il cuore. Di più, ho sempre fatto tutto ciò che mi è stato chiesto, senza mai lamentarmi. Sono settimo in tutta la serie A per rimbalzi (9 a partita di media, ndr) e terzo nelle stoppate (1,67 a gara, ndr). Segno solo 8 punti a partita, ma ho sempre ricevuto pochi palloni. Il coach è appena arrivato e ha deciso così. Non voglio mollare e farò di tutto per riconquistare la fiducia che non mi è stata dimostrata. Con la Metis Varese è obbligatorio un risultato positivo». Il guanto di sfida è lanciato.
Francesco Tonizzo
TAGS
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner