News

Fortitudo, comincia il bello

Basile conquista Istanbul sulle spalle di Skelin

ISTANBUL - Comincia adesso la Top 16 della Skipper. Riparte da questo successo limpido e indiscutibile in casa Ulker, levando di mezzo i turchi e puntando ora sulle partite in casa, per vedere se proprio Panathinaikos e Siena sono così lontane. In testa 40´ su 40´, in dominio tattico sempre, indefessa con Basile a smontare Booker (6/14) e con Skelin a oscurare Blair (6/18), l´Aquila è poi stata fredda in un finale che poteva rovinare tutto: in lunetta ha dovuto fare, negli ultimi 4´, 15 gol su 16, per prendersi due punti d´oro e d´acciaio. Il Rolex che cercava in trasferta, dopo tante penare. La vittoria, di peso e di prestigio, che rompe le ultime 5 sconfitte filate e soprattutto schiude orizzonti intriganti. Eppure, con Scepanovic di nuovo appiedato dalla schiena, con Basile-Delfino costretti a non uscire mai, e Skelin a chiederlo quasi in ginocchio, in piena doma di Blair, non pareva proprio una sera fortunata. Lo è diventata sul campo.
Cronaca. Barton sevizia, di fisico e di classe, il ragnetto Erdenay, e la partita è già in salita quando Ongoren s´accorge che quella marcatura è un´eresia: 13 punti di Lubos nei primi 6´ fanno correre la Skipper a 9-0, poi a 17-6, infine a 25 nel quarto, inseguita da un Ulker che ha subito un bel Blair, appena premiato come Mvp della prima fase di Eurolega, ma un brutto Booker. Il piano Repesa, di cercare i pivot, funziona, perché Skelin ferisce il ricciolone, e dopo Kovacic farà anche meglio: anzi, 7 punti filati di Emilio, quando i turchi si sono accostati a –1 (31-32) ridanno fiato alla fuga biancoblù. +5 al riposo, con quasi 5´ dell´Ulker senza panieri: ne approfitta il minimo l´Aquila, che nello stesso periodo stiva solo 6 punti. Il raccolto è inferiore alla semina: i 10 rimbalzi in più, razziando molto anche in attacco, sono limati dalle troppe palle perse e dall´1/10 inquietante di Delfino. Però è una Skipper dura e attenta, soprattutto dietro, e ben tenuta da Basile e Pozzecco, autori d´una regia senza sbandate e con molte palle ai lunghi. Che in tre hanno, non a caso, 21 punti dei 38 al thè.
La Skipper tiene alta la difesa e mantiene un +10 dopo il terzo quarto, in cui concede 12 punti e tre cestini in tutto. Si capisce qui che si può fare, ma l´Ulker risale forte e con una tripla di Erdenay sbarca a –4 (53-57) quando mancano 5´ grassi. La Skipper lucra liberi sul pressing e li trasforma, di là vedono un –1 (61-62 a 1´28´´), che Basile piccona con una tripla da favola a 1´05´´. Di lì, processioni in lunetta. La Skipper non sbaglia mai: Basile, con 6 colpi su 6, la vuole proprio firmare lui.

ULKER-SKIPPER 69-75
Ulker: Booker 17, Erdenay 5, Yildirim 5, Praskevicius 11, Blair 14, Erdogan 9, Gonlum 2, Pachulia, Goljovic 4, Acik 2.
Skipper: Basile 11, Delfino 10, Barton 21, Galanda 12, Skelin 12, Kovacic 7, Pozzecco 2, Van den Spiegel, Mancinelli. N.e. Scepanovic, Fultz.
Arbitri: Betancor (Spa), Gasperin (Fra), Jovcic (Jug).
Note: liberi: Is 15/25, Bo 27/36. Da due: Is 21/46, Bo 15/34. Da tre: Is 4/13, Bo 6/19. Rimbalzi: Is 26, Bo 34.
Parziali: 5´ 6-14, 10´ 16-25, 15´ 29-31, 20´ 33-38, 25´ 40-48, 30´ 45-55, 35´ 53-57, 40´ 69-75. Massimo vantaggio Fortitudo: +12 (25-13) al 9´. Mai in svantaggio.
Il girone. Oggi: Siena-Panathinaikos. Classifica: Panathinaikos, Skipper e Siena 2; Ulker 0. Prossimo turno (19.3): Skipper-Siena, Panathinaikos-Ulker.
Fonte: La Repubblica
TAGS
Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner