News

Sabatini: 'Dieci giorni per vendere'

Dieci giorni. È la tempistica che Claudio Sabatini ha dato agli eventuali acquirenti della Virtus per farsi avanti. Altrimenti il patron rimarrà sulla tolda di comando e opererà un drastico ridimensionamento di budget. In assenza di compratori (al momento pare che un sondaggio sia stato fatto da Mascellani, attuale proprietario di Ferrara), fra dieci giorni verrà messa a punto la campagna abbonamenti che traccerà anche le linee di budget.Sabatini è stato chiaro nella sua conferenza radio-tv di ieri. «Sono stati sei anni di grande gioia, entusiasmo e soddisfazioni, ma come tutti gliamori anche questo può finire. Lascio senza debiti e il prezzo può essere valutato nel 70% di quello che ho investito in questi sei anni (405 milioni di euro, ndr), ma la finestra per il compratore resta aperta dieci giorni, dopodiché scatterà il "piano B" con la campagna abbonamenti. Faremo la squadra con quanto incasseremo e se non avremo i soldi per fare la serie A faremo la serie B, con Consolini e Sanguettoli in panchina e i nostri giovani in campo». Snocciolando anche i numeri del bilancio di questa stagione e le previsioni per la prossima quando, pur avendone diritto, non è prevista la partecipazione all'Euro-cup («Per fare la coppa servono soldi e un paio di giocatori n più. Mi scuseranno gli amici di Sassari ma mi auguro che non vengano in A altrimenti la trasferta in Sardegna ci costerà altri 20 mila euro»), Sabatini illustra un ridimensionamento del budget da paura.Chiuso quest'anno con 2,6 milioni di perdite, che il patron ripianerà di tasca propria, se la tendenza al botteghino sarà quella attuale il denaro a disposizione della squadra sarà di 1,4 milioni di euro o addirittura di 895mila se verranno confermati i dati degli abbonamenti dell'ultimo playoff. «Il quadro economico è chiaro, non posso permettermi di andare in tasca anche l'anno prossimo proprio per questo ho rinunciato subito a Giovannoni dandogli il tempo di trovare una squadra e un contratto che merita. Due terzi dei nostri abbonati ci hanno abbandonato nel momento più delicato della stagione, avrei preferito retrocedere con un palazzo pieno che giocare i quarti di finale in un impianto vuoto». Un impianto che l'anno prossimo potrebbe non essere più la casa della Virtus. Sabatini ha già fatto partire la richiesta per giocare al PalaDozza dove ogni gara gli verrebbe a costare sui 5.000 euro. «Se ne facciamo una questione di convenienza, la Virtus alla Futurshow Station è un peso perché blocca una cinquantina di date l'anno. Una partita mi porta 3.500 euro di introiti cash, un concerto 45mila euro e una convention 8omila euro...».Intanto all'orizzonte c'è un progetto immobiliare anche per Sabatini chiamato «Alta Presenza» («Perché riservato a persone alte»), ossia un edificio di 56 metri nero con finestre bianche che dovrebbe fungere da foresteria. Una parte della superficie edificabilc è già stata inserita nel Poc del Comune per il resto si dovrà attendere la nuova amministrazione. Un palazzone anonimo con un'unica scritta: «Non abbiamo cugini». «Fra sei mesi verrà posata la prima pietra, sarà un'opera di riferimento nel basket europeo».C'è poi la questione squadra: «Fra tenere e cedere Langford ballano 1,5 milioni di euro, ora in Italia il prezzo lo facciamo noi e per l'Europa c'è un ricco buyout fissato. Non l'avevo rinnovato per venderlo, ma a questo punto...». Detto che Ford, lo stesso Langford, Koponen e Blizzard hanno offerte importanti («Che farebbero ridere il nostro bilancio»), un mese fa a Sabatini era venuto un voglino: Rasho Nesterovic. «Il suo agente ce lo ha offerto, ha detto che Rasho avrebbe fatto una scelta di vita venendo alla Virtus per 1,5 milioni di dollari (attualmente ne guadagna oltre 8, ndr). Ci ho anche pensato nel momento di massimo entusiasmo, con lui, Langford e un playmaker che ha già giocato in Italia (Collins di Ferrara, ndr) non sarebbe stato male. Però non posso pensare che se Nesterovic si fa male e perdiamo cinque partite la gente non viene più a palazzo».
Luca Aquino
TAGS
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner