News

Player Focus: Henry Sims

Player Focus: Henry Sims

La F lo ha aspettato.
È passata sopra il pugno tirato al sostegno del canestro in prestagione e la conseguente frattura alla mano. Lo ha sostituito con Deshawn Stephens fino al 27 ottobre scorso, giorno in cui il #14 ha debuttato e ha iniziato a dominare come pochi altri giocatori sanno fare in Serie A.
Henry Sims nelle 17 sfide disputate in campionato sinora con la Fortitudo viaggia a 15 punti, 9 rimbalzi e quasi 2 stoppate di media. I numeri non rendono però l’idea di come la squadra giochi quando il nativo di Baltimora non ha problemi di falli o di palle perse. Basta prendere le vittorie contro Milano, Trento o Brindisi (da 17+7+ 7 stoppate). Dal post basso oltre a spazzare chiunque, usando sia la tecnica che i 112 kg di fisico, sa leggere e premiare i tagli dei compagni sia fronte che spalle a canestro (esemplificativi i 2.2 assist di media). In difesa sa proteggere l’area e costringe gli avversari a soluzioni improvvisate nel pitturato.
Dopo non esser stato scelto al Draft del 2012, Sims per 4 anni fa il pendolare tra NBA (New Orleans, Cleveland, Brooklyn e Philadelphia, dove parte titolare per 57 volte) e G-League prima di approdare nel 2016 in Cina agli Shanxi Loongs. Qui Henry resta una sola stagione (quanto basta per riempire sufficientemente il portafoglio) perché non riesce a tenere domo il richiamo di un basket più competitivo. Poco prima dell’inizio della stagione ’17-’18 è Cremona a reclutarlo e, con la maglia della Vanoli, Sims firma 11 punti e 6.5 rimbalzi ad ogni comparsata sul parquet. L’impatto è notevole ma, viste le richieste troppo elevate del giocatore in sede di rinnovo contrattuale, Henry diventa free agent e viene convinto dalla Virtus Roma a scendere di categoria per una stagione. Nella capitale, il #14 si prende la scena ma, dopo aver trascinato i giallorossi alla promozione in A, non scende a compromessi per un taglio di stipendio e si trasferisce sotto le Due Torri. Recentemente si è definito il centro più dominante della LBA e, a tratti, si è dimostrato all’altezza di questa affermazione. Sarà in grado di confermarsi la prossima stagione?



Testo a cura di Matteo Puzzuoli di Overtimebasket.it

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner