News

L'Allianz Pallacanestro Trieste chiude la stagione regolare con il successo contro la Fortitudo Lavoropiù Bologna

L'Allianz Pallacanestro Trieste chiude la stagione regolare con il successo contro la Fortitudo Lavoropiù Bologna

Sarà quindi accoppiamento con Brindisi per l’Allianz Pallacanestro Trieste (nella foto Delia) che conclude al settimo posto la regular season 2020/2021: con una prova di gran carattere, specialmente nella ripresa, i biancorossi superano 88 - 82 la Fortitudo Lavoropiù Bologna e danno un segnale forte in vista della post-season. 


Trieste parte con Fernandez in panchina per onor di firma, mentre dall’altra parte Dalmonte ha Fantinelli inutilizzabile: il quintetto biancorosso è composto da Doyle, Henry, Alviti, Da Ros e Delìa mentre Bologna risponde con Baldasso, Banks, Aradori, Withers e Hunt. Il primo periodo viene completamente dominato da una Fortitudo molto più “in palla” rispetto all’Allianz: Aradori (3/7 da due, 3/6 nelle bombe, 3/3 in lunetta, 8 rimbalzi, 4 falli subiti), con cinque punti di fila, inchioda i triestini sul 4 - 12, tanto che dopo quattro minuti coach Dalmasson è costretto a chiamare time out. Entra Coronica, per dare un aspetto “guerriero” al quintetto, ma non basta: un contropiede di Banks porta avanti gli ospiti in doppia cifra, poi è sempre l’esterno americano a piazzare due bombe di fila ed a sigillare il 15 - 26. Doyle risponde a pochi attimi dalla sirena di fine primo quarto, ma proprio allo scadere è Aradori che piazza la bomba del 17 - 29. 


L’inerzia rimane nelle mani fortitudine anche a inizio secondo periodo, con Stojanovic molto attivo ed una Fortitudo che rimane saldamente in vantaggio in doppia cifra: ci provano Upson e Cavaliero, ma uno Stojanovic devastante a livello fisico porta la Fortitudo sul +17, insieme ai due liberi di Baldasso (23 - 40). L’Allianz, però, ha il merito di non perdersi d’animo e continua a giocare il suo basket nonostante lo svantaggio: Banks (5/7 da due, 2/7 dalla distanza, 5/5 ai liberi, 5 falli subiti) è un terminale offensivo sempre importante per Bologna, ma Doyle, Alviti e Laquintana, insieme a Doyle, permettono ai biancorossi di rimanere a contatto e non farsi distanziare troppo. Parziale di 6 - 0 che porta il punteggio sul 36 - 44, poi Hunt schiaccia il +10 a pochi attimi dall’intervallo di metà gara. 


Nel terzo periodo, l’Allianz inizia a proporre la difesa a zona: Withers inaugura la frazione con una schiacciata, ma sono cinque punti di fila di Henry e una bomba di Laquintana ad aprire un 8 - 0 che riapre completamente la gara (44 - 48). Lo stesso play pugliese segna da sotto con una furbata sulla rimessa, mentre coach Dalmasson prova anche a dare qualche minuto a Fernandez in cabina di regia: Withers diventa il terminale offensivo dei felsinei, che però cominciano ad andare in difficoltà e, a questo punto, emerge un Grazulis (4/6 da due, 2/3 dalla lunga distanza, 8 rimbalzi) dominante. L’ala lettone firmerà quattordici punti di fila tra fine terzo e inizio quarto periodo, riuscendo nel frattempo a pareggiare la situazione: Withers segna due liberi, poi allo scadere proprio Grazulis piazza una tabellata centrale da tre punti per il primo vantaggio triestino (62 - 61 al 30’). 


Nell’ultimo quarto l’Allianz arriva con più benzina, derivante da entusiasmo ed energie nervose: Cavaliero colpisce dalla media distanza, poi la difesa biancorossa ci mette intensità e grinta e per la Fortitudo è notte fonda. Aradori e Banks cercano di tener in piedi l’attacco di Dalmonte, ma dall’altra parte emerge un Henry (24 minuti, 22 punti con 7/9 da due, 2/3 da tre, 2/2 ai liberi, 4 rimbalzi) enorme, che fra una schiacciata ed una galoppata a tutto campo spinge Trieste ancora avanti, insieme ad un Cavaliero che non sente affatto il peso delle sue 37 primavere. Quando Banks mette sei punti di fila (74 - 72) l’Allianz Dome trema, ma i nervi di Trieste rimangono belli saldi: Laquintana, Delìa (3/7 da due, 6/8 ai liberi, 6 rimbalzi, 6 falli subiti) ed Henry ci mettono il sigillo, mentre dall’altra parte non bastano Aradori e Stojanovic. A 1’34’’ dalla fine, Da Ros segna una bomba pesantissima che fissa il +4 (84 - 80) e per l’Allianz è gran festa visto che la Fortitudo non riesce più ad operare l’aggancio: finisce 88 - 82 e per i biancorossi l’ultimo impegno di regular season si tramuta in un gran sorriso che significa una sola parola, playoff. 

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner