Super coppa

Discovery+ Supercoppa: l'Umana Reyer Venezia cala il tris a Bologna, Fortitudo sconfitta

Discovery+ Supercoppa: l'Umana Reyer Venezia cala il tris a Bologna, Fortitudo sconfitta

L’Umana Reyer è vicina al passaggio del turno in Supercoppa dopo la terza vittoria in altrettanti incontri. Gli orogranata si impongono anche al PalaDozza di Bologna, superando nettamente la Fortitudo 67-96 ed estromettendo così matematicamente la squadra di Repesa dalla competizione.


Fuori gli infortunati Bramos e Charalampopoulos, torna tra i 12 Stone e parte in quintetto Vitali, insieme ai confermati Phillip, Tonut, Brooks e Watt. Brooks segna i primi due canestri veneziani nel 4-4 iniziale, prima del tentativo di allungo fortitudino sull’8-4 al 2’30”. L’antisportivo di Benzing permette a Tonut di impattare, poi Brooks chiude il parziale di 0-7 a metà quarto con la tripla dell’8-11. Stavolta sono gli orogranata a provare a incanalare la partita (12-17 al 7′), con Bologna che si affida ai rimbalzi offensivi per provare a rimanere in scia, ma il primo quarto si chiude 14-20.


Il secondo periodo si apre con tanti errori e bisogna aspettare 1’30” per il 3/3 di Sanders dalla lunetta che muove il punteggio. La Fortitudo mette a sua volta tre liberi al 13′ (15-23), ma saranno gli unici punti della prima metà di quarto per i padroni di casa e ancora Sanders da 3 può così firmare il 17-29 al 14’30”. Anche grazie a un paio di triple Bologna si riporta sul 25-30 al 16′, ma pesa come un macigno l’azione del 17′, con fallo di Richardson e successivo antisportivo di Benzing, che viene quindi espulso. L’Umana Reyer dunque aggiorna il massimo divario al 17’30” sulla tripla del 26-41 di Tonut e nel finale di tempo, pur concedendo prima agli avversari di riportarsi a -10, nell’ultima azione porta a casa il quarto fallo di Groselle, convertito da Echodas dalla lunetta nel 31-43 all’intervallo lungo.


L’inerzia favorevole all’Umana Reyer non si interrompe in avvio di ripresa, anzi gli orogranata toccano il +20 sul 33-53 al 21’30” grazie alla tripla di Vitali, ai liberi di Watt e al contropiede seguito da gioco da tre punti di Phillip. Con la Fortitudo già al bonus dopo 3′, inizia in pratica per la squadra di coach De Raffaele una lunga e tranquilla gestione anticipata del match. In una partita molto spezzettata per i molti fischi arbitrali, c’è più volte occasione di aggiornare il massimo vantaggio per gli orogranata, che appoggiano molto il gioco in area. Lo fa due volte Brooks (37-60 al 24′ e 39-63 al 34’30”), poi Echodas (42-67 al 27′), De Nicolao (43-71 al 28’30”) e di nuovo Echodas, segnando i liberi sul quinto fallo di Ashley che chiudono il quarto sul 46-75.


L’ultimo quarto è puro garbage time, con coach De Raffaele che ne approfitta per far ruotare tutti gli effettivi del roster, affinando gli automatismi in campo e distribuendo i minuti. La cronaca diventa così un aspetto marginale, con la Fortitudo che prova inizialmente a contenere quantomeno il divario (50-75 al 32′), anche se poi Echodas continua l’ottima serata, anche Baldasso esce per falli e Daye firma dalla lunetta il +31 (50-81) al 33’30”. Stone si iscrive a referto con la tripla del 52-84 al 34′, subito dopo Sanders arrotonda in contropiede sul 52-86. L’Umana Reyer molla forse troppo presto, con coach De Raffaele che chiama time out al 36’30” sul 64-86 e la squadra riprende subito il ritmo toccando quota 90 con la tripla di Daye (64-90 al 38′). Il match si chiude infine sul 67-96.

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner