News

La Fortitudo Kigili si sblocca: battuta la Carpegna Prosciutto Pesaro

I bolognesi conquistano il primo successo stagionale con 23 punti di Benzing

La Fortitudo Kigili si sblocca: battuta la Carpegna Prosciutto Pesaro

Fortitudo Kigili Bologna - Carpegna Prosciutto Pesaro: 87 - 66

PalaDozza 10/10/2021 20:45

Va alla Fortitudo l’86ª sfida tra i bolognesi e la Carpegna Prosciutto Pesaro. Nonostante le assenze di Groselle, Mancinelli e Fantinelli, la truppa di coach Antimo Martino è protagonista di una bella prova corale e vince prendendo il largo nel quarto periodo. Robin Benzing è il miglior marcatore della sfida con 23 punti segnati, seguito dai 14 punti di Totè e i 13 di Aradori. Pesaro paga una serata da 3/16 al tiro delle due guardie Tyler Larson e Vincent Sanford.

L’inizio della partita è tutto di marca Benzing, bravo a finalizzare al meglio gli assist di Baldasso e Aradori: dopo poco più di 3 minuti, la squadra di coach Antimo Martino è già avanti 10-3. Nel corso del primo quarto la Fortitudo, grazie ai cambi sistematici in difesa e alla presenza di Ashley sotto canestro, corre in contropiede e riesce a mantenere il vantaggio sugli avversari (13-7). Con l’ingresso dei giocatori in uscita dalla panchina, Pesaro accorcia fino al -2 grazie ai voli di Jones oltre i 3.05 m e ad un buon Moretti. Dall’altra parte invece, Gudmundsson e Aradori continuano a far circolare bene il pallone e un pimpante Totè risponde al pariruolo Jones segnando dal post-basso e permettendo alla Effe di restare avanti sul 20-15 dopo 10’. Pesaro però è viva e riesce a portare il punteggio in parità grazie ad un’incursione di Tambone e ad una tripla di Zanotti (20-20). Con il ritorno sul parquet di Gundmundsson e Richardson, la Fortitudo ritrova la via del canestro, rispondendo all’energia di Camara e Drell e allungando di nuovo sul +6 (30-24). Al termine del primo tempo i ritmi si alzano e, dopo una serie di errori da una parte e dall’altra, è ancora Benzing (già a quota 16 punti segnati all’intervallo) a muovere la retina e a tenere a distanza sia Jones che l’intera Carpegna Prosciutto. Dopo 20’ di partita, la Fortitudo è avanti 37-30.

A inizio ripresa la scossa per Pesaro arriva da Carlos Delfino, che inizia con 6 punti filati da grande campione. Aradori, però, non è da meno: dopo una serie di belle difese di Baldasso, il numero 4 corre in transizione e segna i due canestri che rimettono i bolognesi avanti di 7 lunghezze (43-36). Nonostante ancora Delfino e Moretti regalino altri assist al bacio a Jones nei pressi del ferro, sono ancora Aradori e Gudmundsson a caricarsi la Effe sulle spalle: il primo con un fallo antisportivo subìto e buone soluzioni dal palleggio, il secondo infiammando i tifosi biancoblu con 6 punti di grande energia. Scivolata sotto 54-43, un’altra tripla dell’instancabile Delfino non riesce ad arrestare le difficoltà offensive della Carpegna Prosciutto. Alla fine, ci pensa Richardson a mettere la parola fine ad un terzo quarto ancora a firma bolognese (58-46 il parziale dopo 30’). Pesaro però non vuole assolutamente mollare: in un attimo i marchigiani riaccorciano sul -7 sfruttando i recuperi di Tambone e la pulizia del tiro di Drell. La Fortitudo Kigili Bologna, mantenendo fede al canovaccio della partita, risponde innescando un presentissimo Totè (63-51 a 7’ dal termine). Sebbene Sanford riesca finalmente a sbloccarsi e ricucire sul -6, è il duo Baldasso-Totè a spegnere, stavolta definitivamente, le speranze di vittoria della Carpegna Prosciutto. Negli ultimi minuti di partita, gli uomini di coach Martino prendono definitivamente il largo e fissano il punteggio finale sul 87-66.

 

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner