News

Eurocup: Watt e Vitali fanno risorgere l’Umana Reyer, Virtus Segafredo sul velluto contro Patrasso

Grande prova di squadra delle due italiane impegnate nel mercoledì europeo

Eurocup: Watt e Vitali fanno risorgere l’Umana Reyer, Virtus Segafredo sul velluto contro Patrasso

Mercoledì di grande successo per le due italiane impegnate in Eurocup. L’Umana Reyer Venezia ha infatti battuto il Cedevita Olimpija Lubiana (77-70) mentre la Virtus Segafredo Bologna ha travolto nel secondo tempo i greci del Promitheas Patrasso (91-72).

“Nella nostra storia abbiamo sempre avuto la giusta energia per cambiare le cose, dobbiamo avere visione non negativa, cercare gli aspetti buoni e lavorare con serenità". Queste parole del presidente Casarin – rilasciate al “Corriere del Veneto – Venezia” - post sconfitta contro Sassari hanno certamente dato la giusta concentrazione agli orogranata. La partita contro il Cedevita Olimpija non è stata comunque una passeggiata: pronti via e gli ospiti allungano subito sul 5-14, trascinati da Ferrell e la presenza in contropiede dell’ex Ejim. Poi De Raffaele usa l’arma tattica della classica zona 3-2 veneziana che si accoppia dopo i primi tagli e ribalta la partita. Considerando anche le triple di Vitali (16 punti), la pulizia tecnica di Tonut (16 punti e 5 assist) e la presenza sotto canestro di Echodas, l’Umana Reyer ne approfitta per scappare sul 42-23. Nella ripresa, tuttavia, sale in cattedra Pullen, giocatore di striscia se ce n’è uno, e la sua vena realizzativa – unita alle accelerazioni di Blazic – fanno recuperare Lubiana fino al 55 pari. Proprio quando gli avversari stanno per prendere il sopravvento, i veterani della Reyer si compattano ed eseguono con pazienza, pescando soprattutto Watt in post basso (17 punti e 7 rimbalzi). Stante anche un fallo tecnico fischiato a Pullen e l’espulsione di coach Golemac, il Cedevita Olimpija perde la serenità per poter affrontare un finale in volata e si arrende alle bombe finali di De Nicolao e Vitali.

Soddisfatto coach De Raffaele nel post-partita: “Una vittoria che mi fa contento, perché davanti avevamo una squadra di grande talento e con giocatori di Eurolega come Ferrell o Pullen. Un successo che mi fa comunque felice per i giocatori perché si è vista tanta voglia di vincere. Credo sia stata una delle partite in cui abbiamo eseguito quasi alla perfezione la parte tattica, soprattutto con la zona”.

Per la Virtus Segafredo, invece, un primo tempo da montagne russe: nei primi 5’, le V Nere segnano già 23 punti e prendono la via della fuga sul 27-16. I fautori di questo strappo sono la solita difesa iperaggressiva e la capacità di finalizzare immediatamente in contropiede con i vari Weems, Pajola e Alibegovic – tutti ovviamente guidati dalla regia di Teodosic (8 punti e 6 assist). Nel secondo quarto, l’ex Abdul Gaddy e i due centri Jerai Grant (fratello del Jerami di Milano) e Dario Hunt (ex Fortitudino) recuperano tutto lo svantaggio tagliando forte a canestro e sorprendendo la panchina della Virtus. Poi però, la formazione di coach Scariolo, decide che non ci deve essere più partita: chiuso il primo tempo sul 43-43, la Segafredo stringe le viti in difesa e ne approfitta dall’altra parte con il proprio classico spumeggiante gioco di tagli e passaggi fulminanti. Nel 15-0 di break che spezza l’equilibrio e decide il match a fine terzo periodo, ci sono le grandi impronte di Weems (18 punti) e Alibegovic (14 punti) a finalizzare e di Teodosic e Belinelli (9 punti e 8 assist) a creare per tutti.

“Nel primo tempo i giocatori usciti dalla panchina non sono stati realmente pronti come invece lo sono stati molto nel secondo tempo”, ha commentato coach Scariolo, “Abbiamo fatto una prestazione davvero solida nel secondo tempo. Nel secondo quarto, invece, abbiamo pensato a giocare individualmente solo perché eravamo avanti di 10 punti, muovendo meno la palla. Abbiamo controllato anche i rimbalzi molto meglio nel secondo tempo e questo fa la differenza perché i rimbalzi alimentano le azioni in campo aperto”.

La settimana prossima ci sarà l’ultimo appuntamento del 2021 per l’Eurocup. Venezia – risollevatasi in classifica sul 3-4 di record e attualmente al 6° posto - volerà a Patrasso per la sfida contro il Promitheas di martedì 21 dicembre alle ore 18.30; la Virtus capolista del gruppo B, invece, giocherà a Las Palmas per affrontare l’altra prima della classe, Gran Canaria, mercoledì 22 dicembre alle 21.00.

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Supplier
Official Advisor
Official Broadcaster
Official Broadcaster
Media Partner
Media Partner
Media Partner